Italia: il paese degli attacchi informatici (e dell’ignoranza digitale)

Secondo il dipartimento per le soluzioni di sicurezza dei dati e di cybersecurity “Trend Micro Research”, l’Italia è presa d’assalto dai cybercriminali. Il nostro paese è il terzo più colpito al mondo, dopo gli Stati Uniti e il Giappone e la causa di questi attacchi dipende della nostra scarsa conoscenza digitale

Il settore più colpito è quello della sanità; i cybercriminali sanno bene che i sistemi sanitari non possono bloccarsi soprattutto in questo periodo difficile, ragion per cui sono loro a dettare le regole del gioco chiedendo cifre da capogiro, con la minaccia di rendere pubblici i dati sensibili. Gli attacchi hacker non andranno a diminuire nel tempo; anzi aumenteranno e saranno sempre più pericolosi, soprattutto per chi non adotterà le giuste precauzioni. Ricordiamo che sono stati chiesti 5 milioni di dollari alla Regione Lazio per poter riattivare il servizio di prenotazione vaccini Covid.

Molte aziende pensano che “non sono nessuno, non verranno mai da me”, ma questo è l’errore più grande che può commettere: non è la dimensione dell’azienda che conta, ma la debolezza dei sistemi di sicurezza. Spesso sono violati i pc dei dipendenti in smart working, oppure sono inviate mail di pishing. Se i dipendenti non sono in grado di riconoscere il nemico e l’azienda non adotta sistemi di protezione adeguati, gli hacker entreranno facilmente all’interno dei server procurando danni enormi sia in termini di attività bloccata che in termini di sanzioni legate alle norme sulla privacy.

Come proteggersi? Prima di tutto investire in sicurezza informatica:

-Formare i dipendenti
-Fornire ai dipendenti soltanto i privilegi di accesso indispensabili per eseguire le proprie mansioni
-Non aprire mai email e allegati sospetti
-Mantenere aggiornati tutti i software
-Effettuare costanti backup

Chiama GlobalNet se non vuoi trovarti in una situazione spiacevole: abbiamo i software, i servizi e la competenza necessaria per aiutarti a proteggere la tua azienda!

Recommended Posts